Metropolitana Bari CentraleSan Paolo (FM1)

- Bari , Uncategorized

File Gallery - Updload a foto

File Description

English Version
Italian Description
  • File description still not added in English. Please help to improve Urban File.Edit English Description

  • Percorso Tratta attiva Inizio lavori: 02/01/2000 Fine lavori: 06/05/2008 In costruzione: Inizio lavori: Aprile 2010 Fine lavori: - La Ferrovia Metropolitana, con una estensione di 9.286m, collega il quartiere residenziale San Paolo con l'area centrale della città  di Bari in un tempo medio di 11 minuti. Il collegamento metropolitano fa compiere al processo di recupero e valorizzazione del Quartiere S.Paolo, abitato oggi da oltre 45.000 persone, un salto di qualità  significativo, sarà  cosଠpossibile contribuire al superamento di storici fenomeni di esclusione e disagio sociale del quartiere. Il nuovo tracciato si sviluppa fra le stazioni Fesca-S.Girolamo e Ospedale S.Paolo, per una lunghezza di 5.000m circa. Il percorso è suddiviso in tre tratti caratterizzati da tipologie costruttive differenziate, legate alla orografia del terreno, agli insediamenti urbani esistenti ed ai vincoli naturali o artificiali da superare. Il primo di circa 1Km, in piano e leggera ascesa; il secondo in viadotto, lungo circa 2Km; il terzo di 2Km circa in galleria. L'ingresso nel centro di Bari, fra le stazioni Fesca-S.Girolamo e Bari Centrale nord, è invece garantito dai 4km di binario già  esistenti, in concessione alle Ferrovie del Nord Barese. Le corse giornaliere sono 48 (24 per senso di marcia) con una capienza di 1500 persone a bordo all'ora. L'orario di funzionamento è compreso tra le 5:00 e le 23:50. La frequenza aumenterà  quando sarà  completata l'ultima stazione munita di scambio. AGGIORNAMENTO FEBBRAIO 2010 La giunta comunale ha approvato il progetto definitivo del primo prolungamento, dalla fermata Ospedale alla stazione Cecilia, alle porte di Modugno. L'opera costerà  25 milioni e 431mila euro. Il Comune la finanzia per 14 milioni e 393mila euro, che riceve dallo Stato grazie alla sua condizione di città  metropolitana, la Regione per gli altri 11 milioni. I lavori verranno appaltati in aprile dalla Ferrotramviaria, soggetto attuatore. Il cantiere si articolerà  in diverse azioni: opere civili e tecnologiche della nuova tratta, fornitura e posa in opera di un sistema per il comando e il controllo del traffico centralizzato da collocare nella stazione di Fesca San Girolamo, in grado di telecomandare gli impianti di stazione e di governare la circolazione dei treni. La struttura della galleria artificiale in cemento armato è stata progettata con getto controterra per limitare l'ampiezza di scavo. La larghezza della galleria è di circa 9 m e la sua copertura è stata progettata con un solettone di 88/108 cm di spessore. Sono previsti due camminamenti sopraelevati di 90 cm di larghezza, che fungono da vie di fuga in caso di incendio. Al di sotto del piano di camminamento sono posizionati due cavedi per il passaggio degli impianti tecnologici. Adeguata impermeabilizzazione delle pareti fa sଠche le acque filtranti attraverso gli strati di calcare non impegnino la galleria. Nella stazione sono previsti: al piano terreno (livello accessi), ampie aree recintate ornate a verde e aree attrezzate a parcheggi, zone previste per la sosta pedonale; l'accesso ai marciapiedi di partenza e arrivo dei treni (livello banchine) sarà  consentito da scale e ascensore previsto a livello del piano stradale del fabbricato, che a detto livello costituisce funzioni di elemento distributore generale per l'accesso ai diversi piani (livelli banchine, mezzanino e accessi); in detto fabbricato sempre a livello accessi è stata prevista la realizzazione di ambienti destinati ai servizi generali, informativi, gestionali; una tipologia distributiva generale unica, basata su una disposizione simmetrica dei binari degli elementi di collegamento verticale, in modo da garantire a livello accessi la concentrazione degli sbarchi in punti di facile sfollamento ed a livello banchine in punti adeguatamente distanziati per meglio distribuire i viaggiatori sull'intera lunghezza della banchina, in particolare è stata prevista una coppia di scale e 1 ascensore; ingresso e uscita dal fabbricato sono consentiti da sistemi di accesso a consenso (tornelli) e da ampie porte automatiche e tradizionali raggiungibili seguendo un percorso centrale e parallelo ai binari. Nel mese di aprile 2010 i lavori saranno appaltati a cura della Ferrotramviaria s.pa., soggetto attuatore della suddetta opera pubblica. Sito ufficiale Video Aggiornamento di ottobre di "il piccolo chimico" Immagini dall'inauguruazione del 22/12/2008 da leggonline.it Schede collegate:

Comments

Map View: